Tutti gli Articoli

All'interno delle tre  classi di disturbi della personalità (DP), esiste quello evitante.

Disturbo di Personalità Evitante

A tutte può succedere di guardarsi allo specchio e non piacersi. Ma se questo accade continuamente e in modo costante non si tratta di un caso, ma di un disturbo psicologico: la dismorfia corporea. Come si manifesta?

Distorsione percettiva

Ma perché è così difficile andare d'accordo con la propria suocera? A volte si tratta di un problema "oggettivo", nel senso che la madre di nostro marito e' davvero gelosa di noi, e' soffocante e intrusiva.

Dinamiche psicologiche tra nuora e suocera

Il disturbo da accumulo si esprime in una persistente difficoltà a separarsi dai propri beni, con un bisogno ossessivo di conservare tutto quello che si ha. Questa necessità di non gettare via niente congestiona gli spazi e ne compromette l'uso.

Il disturbo da accumulo

Provare terrore a trovarsi da soli fuori casa, essere in ansia a utilizzare i mezzi pubblici, a stare in coda in mezzo alla folla. O in un parcheggio pubblico e al mercato.

L'agorafobia

Un bambino di 10 anni che non riesce a stare al suo posto in classe, che e' incapace di svolgere un'attività tranquilla (che non richieda movimento), che parla continuamente a raffica. E' normale? Questa domanda se la sono posta molte volte i genitori, le insegnanti, i parenti.

bambini iperattivi

E' finita l'estate, le giornate si accorciano, sopraggiungono i primi freddi, magari anche la nebbia. E soprattutto cambia la luce, che diventa più soffusa e meno limpida, il buio della sera, poi, arriva sempre prima.

Autunno

Un bambino di 5 anni che litiga tutti i giorni con la mamma. Con una violenza particolare.  Un ragazzino che mette in atto comportamenti provocatori e aggressivi. Del tutto inappropriati. Una ragazza con un umore collerico, che manifesta sempre, giorno e notte, senza un attimo di tregua.

Il disturbo oppositivo provocatorio

Può capitare a tutti di sentirsi ridicoli davanti alle altre persone, di apparire ansiosi con chi non si conosce, è del tutto normale.

ansia sociale

Nei film e nei libri si parla spesso di persone che soffrono di Disturbo da Stress Post Traumatico.Ma esiste veramente? Sì e purtroppo non è per niente piacevole.

Disturbo da Stress Post Traumatico

Il 15% delle donne presenta sintomi depressivi durante la gravidanza. Si arriva fino al 70% se le future mamme hanno sofferto in passato di una depressione e sono state trattate con una terapia farmacologica prima del concepimento.

depressione post partum

E' difficile parlare di autismo in poche righe. Ma in questi giorni cade la nona edizione della giornata mondiale della consapevolezza  di questa patologia ed è giusto riflettere su questa malattia, così particolare e, a volte, così invalidante.

l'autismo

Ansia e terrore sono purtroppo entrati nella nostra vita quotidiana, le pagine dei giornali e dei social media diffondono sempre più spesso notizie drammatiche.

utlo

Domani è la festa del papà, una ricorrenza forse un po' datata, che può, però, spingerci a riflettere sulle caratteristiche psicologiche che i padri detengono all'interno della famiglia.

padri

Il legame tra mamma e figlia è da sempre studiato in psicologia, e da sempre è considerato un rapporto particolare, di grande intensità, ma anche di forte ambivalenza.

mamma

Di attacchi di panico si parla tanto, nella vita reale, nei film, nei libri. Ma cosa sono davvero?

panico

I disturbi bipolari sono meno conosciuti della depressione e se ne parla poco, ma costituiscono un'importante entità nosografica. Sono caratterizzati da una condizione in cui si alternano episodi maniacali e depressivi.

bipolare

La sindrome di Peter Pan caratterizza chi tende a non voler crescere emotivamente, ma a restare in una condizione di immaturità, in cui non ci si vuole assumere alcuna responsabilità.

peter pan

Oggi è la giornata mondiale dell'epilessia e in più di 120 paesi si parlerà di questa malattia. Per questa occasione è stata coniata la frase "L'epilessia è più di una convulsione".

epilessia

Cosa sono le ossessioni? E fino a che punto si possono dire normali? Quasi tutti noi abbiamo provato ad avere pensieri che ricorrono in modo eccessivo o a compiere azioni ripetute con una certa ritualità. Magari per rassicurarci, per sentirci più tranquilli.

ossessioni

Come si fa a gestire gli eventi difficili che ci possono capitare? Le separazioni, i lutti, una malattia improvvisa, un attacco terroristico?

Gli adolescenti di oggi sono differenti da quelli degli anni sessanta o settanta. Allora il conflitto tra le generazioni era molto intenso, i genitori erano considerati ancorati a valori tradizionali, mentre i figli erano pronti a infrangere le convenzioni e a cercare un nuovo stile di vita.

adolescenti

I vantaggi della lettura: riduzione dello stress, aumento della concentrazione. E contenimento del declino cognitivo nelle persone anziane. Ma solo con i libri di carta.

leggere

Tra le persone che soffrono di demenza, poco più della metà è affetto dalla forma di tipo degenerativo (come la malattia di Alzheimer e la malattia di Pick), il 15% circa da demenza su base vascolare, il 15% da forme miste e il restante 15% da forme di varia natura (tossica, tumorale, infettiva).